Maestri

Maestro Ferrario

Maestro Ferrario, vissuto nei primi anni del XII secolo, scrisse il De aegritudinum curatione, un trattato sulle febbri in cui vengono attentamente analizzati i vari tipi di alterazione.

Le febbri, secondo la tradizione ippocratica, sono causate dagli umori putrefatti che determinano quelle interpolate, quelle continue, quelle effimere e la febbre etica. Pur accettando tali considerazioni, Maestro Ferrario dissente dal considerare le febbri come conseguenze del solo squilibrio umorale, dando importanza anche all'età del paziente, alle diete seguite ed alla stagione. 

Si sono conservati due brevi scritti di Maestro Ferrario, riguardanti le malattie degli occhi e l'elefantiasi, i quali dovevano essere parte di un trattato più ampio di medicina pratica, oggi scomparso.

 

MANOSCRITTI

 

TITOLOCITTA'BIBLIOTECASEGNATURASECOLO
CuraeRomaBiblioteca Angelica1506XII-XIII
De evitandis venenis et eorum remediisRomaBiblioteca Casanatense125XV
Liber de febribusBruxellesBibliothèque Royale14344-58XIV
Liber de febribusWroclawBibliothek des Magdalenen-Gymnasyum1302 
Liber de febribusLondonBritish LibraryRoyal 12 B III 
Liber de febribusOxfordBodleian LibraryDigby 197XIII